• Freccie tricolore
  • Trotto
  • Livorno - La vegliaia
  • Cavallo

News della Tecnica

News della tecnicarss Per essere costantemente informati sulle novità di fotocamere, obiettivi, monitor, accessori, stampanti e tutto quanto riguarda il digital imaging.

Per essere costantemente informati sulle novità di fotocamere, obiettivi, monitor, accessori, stampanti e tutto quanto riguarda il digital imaging.
  1. Grande fermento in casa Nikon: sono molte le fotocamere sulla rampa di lancio ed ora Toshikazu Umatate, il nuovo Ceo di Nikon, ha dichiarato al Nikkan Kogyo Shimbun, quotidiano economico giapponese, che Nikon lancerà una mirrorless ammiraglia (Z9?) equivalente alla Nikon D5 nel nuovo sistema senza specchio.

    Il già lungo elenco di fotocamere attese in un arco di tempo non troppo lontano comprende la reflex D6, in vista delle Olimpiadi di Tokyo, una Full Frame entry level (Z1?) da $ 1000 e una APS-C sempre Z Mount. E ancora tra le reflex Nikon dovrebbe sostituire la APS-C D750

  2. Dopo aver usato per 3 anni e mezzo una Leica Q, lo scorso marzo Allen Murabayashi, co-fondarore di PhotoShelter, ha deciso di ordinare l'attesa Q2. Infatti nonostante possedesse diverse fotocamere la Leica Q era diventata la sua fotocamera “da battaglia” per la leggerezza a fronte della qualità d’immagine. Tuttavia già il primo mese Allen ha avuto due problemi con la nuova Q2 per cui ha dovuto mandare la fotocamera al centro di assistenza Leica, ovvero problemi di polvere e di banding.
    Questione “polvere”. Già la Leica Q gli aveva creato delle difficoltà in quanto, non essendo questa una fotocamera a tenuta di polvere, Allen aveva coperto con del nastro adesivo gli ingressi del microfono e dell'altoparlante in modo da evitare che la polvere finisse sul sensore. Infatti poiché la Q impiega un’ottica fissa, non c'è modo di pulire il sensore senza inviare la fotocamera al servizio di assistenza di Leica, notoriamente lento.
    La nuova Q2 sembrava aver risolto il problema con l'impermeabilizzazione di livello IP52 che impedisce l’ingresso di particelle di dimensioni superiori a 1mm, oltre alla protezione contro la condensa. Tuttavia il suo mirino elettronico attira la polvere; Allen credeva di aver risolto battendo delicatamente il lato della fotocamera con il palmo della mano: la polvere sembrava spostarsi, ma solo temporaneamente perché nel giro di pochi giorni la polvere riappariva.
    C’è poi la questione del “banding”. Allen ha provato la Q2 durante delle riprese di danza e delle prime 1.000 immagini, tredici mostravano delle strisce evidenti.
    Esaminando i canali RGB del file Raw Allen si è accorto che mentre il canale del verde non mostrava bande, queste erano invece molto evidenti nei canali del rosso e del blu.
    “Mi sono reso conto che molte delle luci presenti erano a Led- racconta Allen- Lo sfarfallio delle fonti di luce è un problema ben noto nel video, meno in fotografia. Inoltre fotografando uno schermo televisivo di solito il banding si manifesta come un'ombra in bianco e nero, mentre nel mio caso le bande erano stranamente colorate.
    I Led sono diventati molto popolari grazie al loro basso consumo senza produzione di calore. Ma i Led a volte usano un metodo chiamato Pulse Width Modulation per ridurre la luce, e questo può causare sfarfallio.
    Mentre osservavo i dati Exif delle immagini con il fenomeno di banding  ho notato che si verificava spesso a 1/2500s e sui tempi più rapidi, e solo saltuariamente a 1/2000s. E che non si manifestava in luce solare.”
    Le conclusioni di Allen. “Senza test più approfonditi in condizioni di illuminazione controllata non mi sento di concludere che il problema dipenda dal sensore, oppure che sia un difetto di fabbricazione, o ancora che il banding sia stato causato da una specifica condizione di illuminazione. I Led sono indubbiamente parte del problema e i fotografi dovrebbero esserne consapevoli, data la crescente diffusione della tecnologia Led.”
    Allen ha inviato la sua Q2 all’assistenza di Leica ed è in attesa di capire come i problemi possono essere risolti, e conclude: “la mia frustrazione di essere senza la fotocamera è un dato di fatto”.

  3. L’adattatore (TZE-01) realizzato da Techart Pro è molto sottile data la differenza di 2 mm tra la flangia della baionetta Sony E e quella Nikon Z.
    Per convertire i segnali elettrici tra obiettivi Sony e le fotocamere Nikon Techart ha inserito un chip nel piccolo adattatore, che pure ha uno spessore di pochi millimetri. In questo modo l’autofocus, gli automatismi di esposizione e la stabilizzazione dell'obiettivo sono conservati.
    Allo stesso modo sono conservate sulle Nikon Z6 e Z7 le modalità AF-S, AF-C e MF, così come la funzione di rilevamento di volti / occhi.

    “La velocità AF è la stessa che si avrebbe con obiettivi con attacco Z nativo ", afferma Techart.
    Eventuali futuri aggiornamenti del firmware saranno possibili utilizzando una dock distinta, fornita in kit con l'adattatore.
    Attualmente sono supportati anche gli obiettivi Sigma E-mount, ma non gli obiettivi Samyang; tutto dipende da futuri aggiornamenti del firmware.
    L'adattatore è disponibile per il pre-ordine ad un prezzo di $ 249.

  4. Kyle Naegeli(The Fish Whisperer) ha montato una GoPro sul carapace di una tartaruga. Il video mostra il mondo come appare alla tartaruga.

  5. Le “compatte per esperti” continuano ad attirare l’attenzione e ora Canon sta per annunciare sia la G5X Mark II che la G7X Mark III
    Era dall’inizio dell’anno che se ne parlava, ma ora secondo Nokishita la G5 X Mark II è apparsa sui moduli d’ordine per i rivenditori; probabile quindi che avremo l’annuncio entro la fine di agosto, forse già a luglio.
    L’attuale G5X Mark I era stata annunciata nell’ottobre del 2015, mentre la G7X Mark II è del febbraio 2016. Le due macchine di differenziano sostanzialmente per il mirino elettronico, che manca sulla G7X  Mark II.

    Sempre in casa Canon siamo in attesa dell’obiettivo RF 24-240mm f/4-6.3 IS USM che potrebbe essere offerto anche in kit con la mirrorless Eos RP

  6. Presentata nel "lontano 2016" dall'allora CEO Perry Oosting, Hasselblad X1D poteva vantarsi di essere la prima mirrorless medio formato in assoluto. Con il passare degli anni il silenzio della casa svedese è stato quasi assordante e oggi l'azienda toglie il velo alla nuova versione dio quella medio fomato pionieristica presentando Hasselblad X1D II 50C: EVF con risoluzione più elevata, lag ridotto, avvio più veloce, display posteriore più grande e nuova interfaccia il tutto per offrire una migliore esperienza utente. Ah, e prezzo sensibilimente rivisto verso il basso.

    Chi si aspettava una medio formato da 100 Mpxl che andasse a far concorrenza a Fujifilm GFX100 rimarrà a bocca asciutta poiché la nuova X1D II 50 C altro non è che un upgrade della versione precedente del 2016. Non è cosa però da poco in quanto i miglioramenti sono stati eseguiti sulla base dei suggerimenti ricevuti dai fotografi professionisti che hanno utilizzato X1D, per cui andranno a migliorare di molto l'utilizzo sul campo. Hasselblad X1D II 50C eredita quindi il medesimo sensoremedio formato da 50 Mpxl, gamma ISO 100-25600, gamma dinamica fino a 14-stop, slitta a contatto caldo compatibile con lampeggiatori Nikon fino a 1/2000s, doppio slot per schede SD UHS-II e interfaccia touch. È però stato utilizzato un nuovo processore che accelera il sistema operativo in modo che il tempo necessario all'avvio della fotocamera sia ridotto del 46%, così come il ritardo nell'otturatore (migliorato del 62%) ed il conseguente tempo di blackout tra i fotogrammi nonché il tempo necessario per l'anteprima e lo scorrimento delle immagini scattate. Anche il frame rate è leggermente più rapido e si attesta in 2.7 fps.
    Il display posteriore è ora più grande e si attesta in un 3.6" con 2.3 milioni di punti(1024 x 768) rispetto ai 920 mila di X1D; allo stesso modo il mirino EVF passa da 2.36 milioni di punti a 3.69 milioni (1024 x 768 contro i 1280 x 960) con un rapporto di ingrandimento di 0.87x. Sia sul display - che ora consente il Touch AF - che nel mirino si potrà visualizzare la nuova interfaccia, con un design completamente rinnovato, più intuitivo e ricco di icone.
    Il corpo macchina è il medesimo: all'interno si trova una batteria da 3400 mAh che può essere caricata sia tramite presa USB sia tramite Power Bank esterno. Nonostante all'interno sia implementato anche un modulo GPS (che prima non c'era), il peso solo corpo si attesta in soli 675 grammi.

    Hasselblad ha infine anche aggiornato anche l'app Phocus Mobile 2 disponibile per modelli iPad Pro e iPad Air (2019) con la quale modificare i file Raw e jpeg scattati con X1D II 50C.

    Ultima buona notizia: l'azienda ha rivisto il prezzo. Hasselblad X1D II 50C sarà disponibile da luglio ad un prezzo di € 5000 solo corpo.

  7. Il concept di una medio formato modulare battente sistema V lo avevamo visto sotto teca alla Photokina del 2016, ma a dire il vero sembrava più un esercizio di stile che una vera e propria dichiarazione di intenti da parte di Hasselblad. Ma ci sbagliavamo. Oggi l'azienda svedese, oltre alla nuova mirroless medio formato X1D II 50C presenta due nuovi prodotti che renderanno l'esperienza vintage una realtà in salsa moderna: il dorso digitale CFV II 50C e l'interfaccia 907X.

    Occorre spiegarsi meglio. Hasselblad anni fa ha presentato il dorso digitale CFV 50C disegnato per accoppiarsi ai corpi del Sistema V (tutti quelli dal 1957 in poi) e renderli digitali - permettendo quindi a tutti i possessori di una medio formato a pellicola di utilizzare il loro corpo e il loro corredo di ottiche manuali senza per forza dover cambiare sistema  - ma con l'avvento della prima X1D questo primo concept non è stato portato avanti dato che l'azienda doveva spingere l'appena nata mirrorless.
    Oggi l'azienda svedese fa due grandi passi avanti, avvicinandosi paurosamente a quel concept di fotocamera modulare mostrata alla Photokina del 2016, presentato il nuovo CFV II 50C e l'interfaccia 907X. Il nuovo dorso CFV II 50C potrà adattarsi a tutti i corpi macchina medio formato a pellicola del Sistema V del 1957 ma in più, come suggerisce anche il nome, eredita alcuni pregi direttamente da Hasselblad X1D II 50C come il display posteriore basculante, l'interfaccia touch e ovviamente il sensore CMOS di medio formato da 50 Mpxl con una gamma dinamica di 14 stop e la tecnologia Hasselblad Natural Color Solution integrata. Inoltre rispetto alla versione precedente ha un grip migliorato. Il piccolo corpo 907X (che pesa solo 207 grammi) contiene invece l'otturatore ma soprattutto consente al dorso di essere utilizzato  con l'intera gamma di obiettivi XCD digitali - oltre a tutti gli obiettivi HC/HCD, V System e XPan tramite adattatori - e non solo a tutti i corpi macchina medio formato a pellicola del Sistema V del 1957.

    La medio formato diventa quindi modulare.

    Hasselblad CFV II 50C e l'interfaccia 907X non hanno ancora prezzo o data di uscita, ma avremo informazioni a riguardo molto presto.

  8. "Prime Lens performance in a compact zoom". È così che Hasselblad presenta il tanto atteso primo zoom della linea XCD, che ad ora vantava solamente ottiche fisse, e che sicuramente sarà un compagno ideale per la nuova X1D II 50C: Hasselblad XCD 35-75mm f/3.5-4.5.

    Era una promessa nel 2017 e, almeno per ora, una promessa rimane anche oggi..ma forse sarebbe meglio parlare di una "promessa a metà" dato che l'azienda svedese ha già comunicato il prezzo, che sarà di € 4500. Già perché, a fornte del comunicato, Hasselblad non ha ancora diramato le specifiche tecniche o la costruzione interna, si sa solamente che avrà apertura f/3.5-4.5, fornirà una qualità da ottica fissa e che farà la sua comparsa nei negozi in ottobre.

  9. Il National Geographic annuncia il vincitore del Grand Prize 2019 che quest'anno va al fotografo Weimin Chu che vince non solo il titolo più importante ma anche il primo posto della categoria Cities.

    "Upernavik è un villaggio di pescatori situato su una piccola isola nella Groenlandia occidentale. Storicamente, gli edifici groenlandesi sono stati dipinti con colori diversi per indicare diverse funzioni, dalle vetrine rosse alle case dei pescatori blu: un'utile distinzione quando il paesaggio è ricoperto di neve."

    La galleria con le foto di tutti i vincitori del National Geographic Travel Photographer of the Year la potete trovare sul nostro blog!

  10. Secondo la News Mill Nikkei.com, Nikon presenterà una Mirrorless Full Frame economica prima del 30 settembre 2019.
    Secondo questi rumors il prezzo della Z1 (nome ancora coperto da riserbo) sarà di circa 100.000 yen (circa $ 1.000), certamente più abbordabile rispetto a quelli delle Z7 e Z6.
    L'obiettivo di Nikon sarebbe di far crescere la domanda per tutta la serie Z, andando oltre a quella degli appassionati del marchio.
    La fotocamera sarà annunciata entro l’anno fiscale 2019 (1 ottobre 2018  - 30 settembre 2019).

Canon News – Canon Club Italia

Associazione Nazionale Domiad Photo Network

Workshop Fotografia – Canon Club Italia

Associazione Nazionale Domiad Photo Network
  • Venezia By Night Con Roberto Fiocco | Evento Gratuito
    Dopo la scorsa edizione che ha visto la partecipazione di oltre 150 persone, anche quest’anno invaderemo Venezia con tantissimi figuranti in maschere veneziane del ‘700 lungo il percorso! Partecipazione gratuita con obbligo di prenotazione qui:...
  • 8° Meeting Nazionale di Fotografia UCOP 2018
    L’evento più ricco ed emozionante di sempre, nella sua ottava edizione si arricchisce di iniziative e attività di primo piano, workshop e attività rigorosamente gratuite e si distingue per essere la prima manifestazione nazionale ad...
  • SEPULCHRUM, l’evento fotografico dell’anno torna con la terza edizione.
    SEPULCHRUM, l’evento fotografico dell’anno torna con la terza edizione. Niente atmosfere lugubri e sanguinolenti della prima stagione; scordatevi anche le atmosfere plumbee e apocalittiche di Wasteland. Per il nuovo capitolo della nostra antologia vi portiamo nel...

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie  essenziali per il funzionamento di questo sito sono già stati impostati .