Varie

Varie (11)

Gubbio - Ottobre 2014 Io sono toscano e trovo che la mia regione sia una delle più belle d'Italia, ma altrettanto bella trovo la regione Umbria. Situata nel centro dell'Italia e famosa per aver dato i natali a San Francesco (patrono della nostra nazione) è una regione di una bellezza unica, una regione dove religione, cultura e natura creano un connubio suggestivo e fantastico. Lo scorso fine settimana in compagnia di mio figlio e mia moglie, nonostante il tempo non promettesse niente di buono, siamo partiti per un tour di tre giorni in questa terra bellissima. Il nostro itinerario è stato il seguente Gubbio Assisi Cascata delle Marmore Norcia La prima tappa è stata appunto Gubbio dove avevamo anche la nostra base logistica, l'albergo dove riposare le dolci e stanche membra al termine di una giornata iniziata alla otto di mattina con la partenza da Livorno. La giornata rispetta a pieno le previsioni atmosferica è grigia e piovosa, fortunatamente sufficientemente clemente al nostro arrivo a destinazione.
Approfittando di un week-end libero e di un pacchetto viaggio regalo, io e la mia signora siamo andati in Val d'Aosta. La base logistica scelta dove alloggiare e da dove ripartire per le nostre escursione era Saint Vincent. Dopo 4 ore di viaggio siamo arrivati a destinazione verso le 13:30, l'ora giusta per pranzare e assaggiare le prime specialità del posto. Fatto un pasto veloce a base di cervo ci avviamo verso l'albergo che avevamo prenotato e prendiamo possesso della camera. La stanza è carina, luminosa e spaziosa. Subito mi reco verso la finestra per vedere quali spettacoli ci potesse offrire e se fosse possibile qualche spunto fotografico. Davanti a me si staglia il campanile della chiesetta di Saint Vincent con il suo grande orologio. La finestra della stanza dava verso sud e girando la testa a sinistra potevo vedere i monti che circondano la vallata della Dora Baltea ad est mentre a destra la vallata verso ovest. Presa visione del panorama e lasciati i bagagli in camera siamo partiti…
IN DUE PAROLE Il progetto Immagina! (www.immagina.me) offre lo strumento per organizzare un corso - divertente e coinvolgente - per insegnare fotografia (e insegnare con la fotografia) ai bambini delle scuole primarie; quelle che un tempo si chiamavano "elementari", per capirci.Ti consente di proporre, al Dirigente d'Istituto ed al consiglio Docenti, un pacchetto formativo concreto, strutturato ed efficace, con il quale portare i primi semi di cultura dell'immagine fra i bambini.Rappresenta quindi un modo per costruire rapporti interpersonali con le famiglie del territorio, che ti vedano come "referente", come punto di riferimento in ambito fotografico.Per i bambini, significa un aiuto ad usare e soprattutto a capire un linguaggio, quello delle immagini, che e' diventato enormemente importante in tutti i rapporti sociali, e ciononostante, viene praticamente ignorato dai percorsi formativi "ufficiali".Volendo, lo spunto del "format" Immagina puo' essere proposto anche attraverso altre realta', oltre alle Scuole Primarie: oratori, circoli culturali, attivita' di quartiere, eccetera. NEL DETTAGLIO
IL POPOLO DELL’IMMONDIZIAUn reportage fotografico che svela la vita nel quartiere di Mokattam, conosciuta come “la città dell’immondizia”; un luogo dove circa 25000 persone vivono e lavorano assorbendo circa il 40% dei rifiuti domestici del Cairo, con un tasso di riciclaggio dell’85%. Zabbaleen, gli spazzini, in arabo. Contadini di religione cristiano-copta che migrarono, alla fine degli anni 40, verso il Cairo alla ricerca di una nuova vita. Trovarono nella raccolta dei rifiuti urbani un modo per sopravvivere. Il mondo degli zabbaleen è un mondo maleodorante sicuramente non gradevole alla vista, ma è il loro mondo, il loro modo di procurarsi da vivere. Gli uomini raccolgono l’immondizia; i bambini giocano nell’immondizia e con l’immondizia, e aiutano nella separazione e nella raccolta; le donne siedono nell’immondizia, la separano a mano, nutrono con questa i propri animali allevati nei cortili interni delle abitazioni. Sono migliaia di persone le cui vite sono indissolubilmente legate alla spazzatura e alla sua trasformazione. Questo per loro non è solo un lavoro è uno stile di vita. Ha…
Vedere Livorno ricoperta di neve non è cosa di tutti i giorni per cui non potevo perdere l'occasione di immortalare l'evento attraverso l'obiettivo della mia canon 50D. Già dalla sera del 31 Gennaio, non appena la neve ha iniziato ad imbiacare la costa, ho preso l'attrezzataura e sono andato alla Terrazza Mascagni per scattare le prime foto. Anche nella giornata del 1° Febbraio ho girato per la città per trovare qualche spunto interessante da registrare nella memory card e archiviarli per ricordi futuri. Una selezione degli scatti sono visibili nella gallery nella categoria: Luoghi e trsdizioni =>Livorno
Dopo un anno di transizione passato a fotografare un po di tutto cercando di affinare la tecnica, ho deciso per il 2012 di focalizzarmi sulla foto sportiva. In particolare priviligerò gli sport motoristici ed è per questo che ho già pianificato alcuni di essere presente ad alcuni eventi. Si inizia con il 28 e 29 Gennaio con la Coppa Liburna asfalto visto che si terrà nella mia città,  Livorno. Dopodichè ho intensione di seguire i tre eventi rallystici su terra che si terranno in toscana e che fanno parte della 4a edizione del Raceday Ronde Terra. I tre appuntamneti toscani sono la 3a edizione del Ronde della Val D'Orcia in programma l'11 e 12 febbraio prossimi, la 6a edizione del Ronde Valtiberina e il Liburna Ronde Terra, per questi due eventi devono ancora essere definite le date, ma se vengono rispettate le date delle precedenti edizioni dovrebbero svolgersi rispettivamente i primi di marzo e circa metà aprile. A Marzo è in programma anche la prima gara del campionato italiano rally che si…
Martedi scorso 11 Ottobre con il circolo fotografico di cui faccio parte, Dopo Lavoro Ferroviario di Livorno, abbiamo organizzato una uscita di scatti in notturna. Trovandoci a Livorno quale location migliore poteva essere scelta se non quella della Terrazza Mascagni ? E cosi armati delle nostre reflex digitali e dei nostri treppiedi ci siamo ritrovati alle 21.30 al gazebo. La sera era caratterizzata da una luna piena e luminosa che penso sia entrata in molti dei scatti effetuati. Il cielo, per la maggior parte del tempo privo di nuvole, ogni tanto era attraversato velocemente da nuvole bianche nonostante l'assenza di vento a terra. Il mare calmo, anzi una "tavola". Al prossimo incontro vedremo cosa ha prodotto la fantasia.
Approfittando di qualche giornata di ferie ho deciso di andare a fare due scatti alle 5 terre , Rio Maggiore, Manarola, Corniglia, Vernazza e Monteross sono i 5 famosi borghi sulla costa ligure. Per quanto riguarda le foto niente di "professionale", più foto da gite della domenica visto che lo scopo dell'escursione era proprio appunto la gita fuori porta. Partenza alle 7:30 la mattina da Livorno in direzione La Spezia dove siamo arrivati dopo circa 50 minuti. Qui abbiamo parcheggiato l'auto e ci siamo imbarcati sul traghetto per Portovenere. .
Il Castello del Boccale è costruito sul primo tratto della scogliera de Il Romito. In realtà non si tratterebbe di un vero castello, ma di un maniero edificato lungo la strada costiera che porta dal quartiere più a sud di Livorno, Antignano, fino a Quercianella. Più precisamente il tratto di costa dove si erige il “Castello” è chiamato “Boccale” o “ Cala dei Pirati”. Da wikipedia un po' di storia del Castel Boccale Storia Il nucleo originario del Castello del Boccale è rappresentato da una torre d'avvistamento costruita per volontà dei Medici nel XVI secolo, probabilmente sui resti di una struttura preesistente realizzata dalla Repubblica di Pisa in epoca medioevale. Vi soggiornava il castellano e qualche soldato, ma le dimensioni erano modeste, tanto che non vi era spazio per l'artiglieria.
Approfittando di un paio di ore di libertà sono andato a Marina di Pisa, dove l'Arno si tuffa nel mare, per fare qualche scatto al tramonto. Il luogo sicuramnete è suggestivo con i caratteristici retoni per la pesca. Mi sono appostato sulla sponda sud. Difronte a me verso nord potevo vedere le spiagge di San Rossore e sullo sfondo le alpi Apuane. Aspettando che arrivasse il tramonto per puntare l'obiettivo verso ovest ho approfittato per fare qualche scatto al panorama inserendo anche qualche particolare tipico del posto. C'è da dire che non ero l'unico ad avere avuto l'idea di fotografare il tramonto alla foce dell'Arno, infatti sul posto ho trovato altri appasionati di fotografia pronti a scattare.

Chi Sono

Un po di biografia

Novità Tecnologiche

Notizie da zmphoto

Concorsi FIAF

Calendario aggiornato concorsi FIAF

Contatti

Clicca qui per contattarci via mail

Corso fotografico

Introduzione alla fotografia digitale

Utilizziamo i cookie per migliorare il nostro sito e la vostra esperienza quando lo si utilizza . I cookie essenziali per il funzionamento di questo sito sono già stati impostati .Per saperne di più sui cookie che utilizziamo e come eliminarli , vedere la nostra politica sulla privacy .

  Io accetto cookies di questo sito.
EU Cookie Directive Module Information